Lazio, Pascucci: "Se centrosinistra non vuole al suo tavolo componente civica andremo da soli"

2' di lettura 18/11/2022 - (Adnkronos) - Territorialità, ambiente e cultura. Sono le tre parole chiave con cui vuole sbarcare alla Pisana Alessio Pascucci, ex sindaco di Cerveteri e ora rappresentante di una rete di amministratori civici pronti a scendere in campo.

"Rappresento un gruppo civico molto strutturato, che nella regione Lazio conta un'ottantina di amministratori, quindi abbastanza corposo. Abbiamo intenzione - ha spiegato all'Adnkronos Pascucci -di mettere in piedi delle candidature e io sono il candidato più probabile di questa rete, però voglio sottolineare che dietro c'è un importante lavoro di squadra, più che un lavoro individuale".

"Vorremmo creare delle liste civiche con il centrosinistra - ha continuato Pascucci - ma in questo momento mi sembra, come è accaduto altre volte, che il centrosinistra si sia riunito senza le forze civiche, con delle forze politiche che sommate tutte non hanno neanche la metà dei rappresentanti che abbiamo noi. Questa volta non siamo disposti a lasciare accadere quello che succede sempre, stavolta o entra la componente civica seriamente altrimenti ci muoveremo per conto nostro, con una candidatura civica a presidente della Regione".

"Ci sono dei simboli di forze di politiche elettorali tradizionali che veramente credo non arrivino neanche alla metà di quello che vorremmo fare noi - ha evidenziato ancora Pascucci - e sui tavoli territoriali la componente civica non viene mai invitata. Abbiamo creato questa rete, 'Agenda civica nazionale'. Se il centrosinistra pensa di poter fare a meno della componente civica, allora andiamo da soli. Se non riusciamo a stare al tavolo dove si decide, andiamo per conto nostro". "Il punto principale da evidenziare e da attuare è quello dare rappresentanza ai territori, è indispensabile per i nostri cittadini e cittadine, la maggior parte dei loro diritti costituzionali passano per quello che avviene nei comuni: la scuola, la mensa, lo scuolabus, il trasporto pubblico, la gestione dei rifiuti, l'ambiente, l'aiuto alle famiglie con ragazzi disabili, e così via. Tutto questo -ha osservato Pascucci- passa per i comuni. Quindi la nostra non è una battaglia ideologica, d'avanguardia o ancora peggio, una battaglia di classe, noi vogliamo difendere i nostri cittadini e cittadine e sappiamo che, per farlo, i territori devono essere rappresentati".

"Un secondo punto per me importante riguarda l'ambiente e la sostenibilità: la chiusura dei cicli in modo ecosostenibile. Vogliamo che la regione abbia un'attenzione più forte per i comuni virtuosi nei confronti dell'ambiente e del ciclo dei rifiuti. Infine vorrei sottolineare l'importanza del mondo della cultura. E' importante produrre cultura sul territorio - ha concluso Pascucci - vuol dire far crescere la comunità, serve una maggiore attenzione agli artisti, alle associazioni, alle compagnie teatrali che sono l'ossatura su cui si basa la cultura della nostra regione".

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Facebook e Telegram di Vivere Rieti .
Per Facebook Clicca QUI per trovare la pagina.
Per Telegram cerca il canale @vivererieti o Clicca QUI.





Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 18-11-2022 alle 18:31 sul giornale del 19 novembre 2022 - 2 letture

In questo articolo si parla di attualità, adnkronos

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dDBW





logoEV